Una nuova veste per l’Archivio Fotografico Valdese

Dai fondi fotografici alle fotografie: un modo per conoscere il catalogo


Ci sono molti modi per interessarsi a una fotografia e per guardarla: la curiosità per un momento fissato dalla macchina, per quell’attimo che appartiene alla vita di una persona e ce ne svela un frammento; ma anche l’interesse per le vicende di un territorio o di una città, il desiderio di conoscere meglio la storia di una comunità o di rievocare un evento particolare.

Ma le fotografie, come altri documenti, spesso sono veramente significative se guardate in un quadro più ampio, se viste nell’insieme delle altre foto scattate negli stessi momenti, o dallo stesso autore, o ancora poiché appartengono alla narrazione di una vita, o seguono le vicende di un gruppo o di una famiglia.

Ora l’Archivio Fotografico valdese, dopo un lungo lavoro di riordino e di aggiornamento si presenta sotto una nuova veste: le oltre 14.000 fotografie catalogate sono descritte innanzi tutto a partire dai Fondi fotografici. Diventa così possibile conoscere meglio il loro contesto di produzione, partendo dalla storia e dalle caratteristiche dei fondi di cui fanno parte e dedicarsi alla consultazione di ogni singola foto in rapporto al suo contesto di produzione. A tutte queste informazioni si aggiungono quelle connesse ai fotografi, le loro biografie, la loro attività.

Rassegna stampa

04/06/2018
Fonte:
Ist. Sup. per la Conservazione ed il Restauro
04/06/2018
Fonte:
chiesavaldese.org
15/01/2018
Fonte:
Il mondo degli archivi
17/12/2017
Fonte:
chiesavaldese.org
17/12/2017
Fonte:
Riforma.it
01/06/2017
Fonte:
chiesavaldese.org
17/05/2017
Fonte:
Riforma.it
15/05/2017
Fonte:
Riforma.it
11/04/2016
Fonte:
Chiesavaldese.org
11/04/2016
Fonte:
Riforma.it
07/04/2016
Fonte:
archiviodistatotorino.it
05/04/2016
Fonte:
iccd.beniculturali.it
05/04/2016
Fonte:
Chiesavaldese.org
25/03/2016
Fonte:
Metodisti.it
09/02/2016
Fonte:
Chiesavaldese.org
31/07/2015
Fonte:
Beniculturali.it